Menu Chiudi

CILA Roma, Comunicazione inizio lavori asseverata, Costo CILA geometra

cila roma
cila roma

Sei arrivato nella pagina cila Roma per avere delle idea più chiare sulla comunicazione inizio lavori asseverata. In queste poche righe cercheremo di spiegare sinteticamente per quali lavori serve la cila, dove si presenta, come presentarla. Vi daremo  un’idea sul costo cila a Roma e spiegheremo le detrazioni fiscali con la pratica cila .

Che cosa e’ la cila Roma?

La CILA a Roma e’ la comunicazione inizio lavori asseverata che è stata introdotta con la Legge 73/2010 la quale ha modificato l’Art. 6 del D.P.R. 380/2001.

Si tratta di una comunicazione che non prevede il rilascio di un titolo abilitativo ne tempi di attesa per l’inizio dei lavori, deve contenere l’asseverazione da parte di un tecnico abilitato all’esercizio professionale come un Geometra, un Architetto o un Ingegnere ed ha un costo di euro 251,24 per il Comune di Roma.

Con la CILA si autorizzano le opere di manutenzione straordinaria, così come definite dall’art.6, comma 2, lett. a del D.P.R. 380/2001, compresa l’apertura di porte interne o lo spostamento tramezzi interni, sempre che non riguardino le parti strutturali dell’edificio.

Leggi la nostra offerta cila a Roma e variazione catastale o chiamaci per un preventivo gratuito per la pratica CILA completa di aggiornamento al catasto

A cosa serve la cila?

Quando si vuole comunicare l’inizio dei lavori rientranti nella manutenzione straordinaria per ristrutturare la propria casa, si necessita della CILA (Comunicazione Inizio Lavori Asseverata).

Dove si presenta la cila a Roma?

Dal 16 maggio 2016 e’ stata istituita dal Comune di Roma la piattaforma SUET Sportello Unico per l’Edilizia Telematico per invio delle pratiche urbanistiche (CIL CILA SCIA DIA) ai municipi.

Tale piattaforma e’ l’unico modo per poter inviare la CILA in quanto non vengono piu’ accettati i moduli cartacei.

Opere soggette alla comunicazione cila?

Con la CILA (comunicazione inizio lavori) in edilizia libera possono essere realizzati:

  • interventi di manutenzione straordinaria che non riguardano le parti strutturali degli edifici, compresa l’apertura di porte interne e lo spostamento di pareti interne, il frazionamento o accorpamento di unità immobiliari senza modifiche della volumetria complessiva dell’edificio e senza modifiche di destinazione d’uso
  • modifiche interne (nella ristrutturazione dell’appartamento) di carattere edilizio sulla superficie coperta dei fabbricati adibiti ad esercizio d’impresa, sempre che non riguardino le parti strutturali, ovvero le modifiche della destinazione d’uso dei locali adibiti ad esercizio d’impresa

Chi puo’ presentare la cila nel suet di Roma?

La cila a Roma può essere richiesta dal proprietario dell’immobile o chi ne abbia titolo (affittuario, usufruttuario o compromissario acquirente, o comunque gli autorizzati dal proprietario), e attraverso un tecnico geometra, architetto, ingegnere, regolarmente iscritto allo sportello unico  per l’edilizia telematico, di seguito SUET.

Quanto costa la cila a Roma e i tempi di presentazione?

La cila permette di iniziare i lavori subito dopo la presentazione a Roma senza dover più attendere i tempi e l’esecuzione di verifiche e controlli preliminari da parte degli enti competenti. Il costo da versare al Comune corrisponde ai diritti di segreteria, solitamente il costo cila a Roma è di 251,24€.

Dal sopralluogo e rilievo dell’unita’ immobiliare il nostro studio presenta la pratica cila in 72 ore!!!

Come si paga la reversale per la CILA nel comune a Roma

È possibile effettuare il pagamento dei diritti di istruttoria, ricerca, segreteria etc. (reversali), ogni tipo di pagamento ha delle commissioni che vanno ad alzare il costo della cila a Roma, di seguito spieghiamo di quanto:

  1. Pagamento online

Il cittadino può creare autonomamente le reversali tramite il Sistema di Riscossione Reversali (SIReWeb) accessibile dalla sezione “Servizi on line” del portale di Roma Capitale a seguito di Identificazione al Portale.

  • Si può eseguire il pagamento on-line mediante carta di credito circuiti VISA e MasterCard (anche PostePay)
  • Si può stampare il documento e, utilizzando il campo “ID per Pagamento”,  pagare presso le ricevitorie Sisal, ATM bancari Unicredit e Monte dei Paschi oppure delle Delegazioni ACI abilitate

Commissioni sui pagamenti:

  • SIReWeb: € 1,10% dell’importo da pagare
  • Ricevute SISAL:  € 2,00 per importi fino ad un massimo di € 150,00
    € 0,50 più 1% dell’importo da pagare per importi superiori a € 150,00
  •  Bancomat Unicredit e Monte  dei Paschi : € 1,30
  • Delegazioni ACI: € 1,87

Come funziona il nostro servizio per la pratica CILA a Roma

comunicazione inizio lavori roma
comunicazione inizio lavori roma

Serve la cila a Roma per usufruire delle detrazioni fiscali per ristrutturazione?

La risposta alla domanda e’ si, infatti per poter ottenere il bonus per detrazioni a seguito di una ristrutturazione devi aver presentato, prima dell’inizio dei lavori una pratica al comune, che ti autorizza i lavori di casa. La pratica di cui stiamo parlando e’ la cila diminutivo di comunicazione inizio lavori asseverata. Se hai bisogno di maggiori informazioni riguardo le detrazioni fiscali non esitare a chiamarci e se sei interessato leggi la nostra offerta per la cila a Roma.

Variazione catastale a seguito di cila quando è obbligatoria?

Se i lavori che avete effettuato con la cila riguardavano lo spostamento di porte e tramezzature interne, avete l’obbligo di presentare la nuova planimetria catastale attraverso la procedura DOCFA di variazione catastale. nfatti dal 2010 entro trenta giorni dalla comunicazione di fine lavori c’è l’obbligo di inviare al catasto la nuova planimetria con le modifiche sopravvenute nell’immobile.

Quindi se nella ristrutturazione di casa andiamo a creare una camera in più, o un nuovo bagno con la demolizione di nuovi muri e la demolizioni di altri avete l’obbligo di comunicare la nuova piantina catastale, se invece rimane tutto uguale all’attuale planimetria non avete l’obbligo di presentare nulla al catasto.

Ovviamente la variazione catastale concorre nell’aumento del costo cila a Roma, in quanto ogni planimetria depositata al catasto richiede il pagamento di 50,00€ come diritti di istruttoria.

Quando serve un tecnico abilitato per i lavori di ristrutturazione della casa a Roma?

Sia nel caso di pratica cila che in quello di pratica scia è richiesto un tecnico abilitato geometra, architetto, ingegnere che predisponga gli elaborati di progetto (ante, inter e post-operam) e sottoscrivendo la relazione tecnica asseverata che è sempre un allegato obbligatorio.

Quanto dura la cila a Roma?

La comunicazione inizio lavori attraverso il suet, ha una timeline che indica la durata della pratica. Come definito dal testo unico dell’edilizia la cila dura 3 anni dal protocollo, ed entro questo termine deve essere chiusa con la comunicazione di fine lavori. Se si superano i tre anni per poterla chiudere bisogna pagare la sanzione amministrativa.

Sanzioni CILA a sanatoria:

Sulla base di quanto disposto dalla normativa vigente in Italia, la mancata comunicazione dell’inizio lavori  comporta il pagamento di una sanzione  pecuniaria, e l’obbligo di presentazione della CILA a sanatoria:

– La comunicazione inizio lavori asseverata in sanatoria puo’ essere presentata per opere già eseguite pagando la sanzione pecuniaria  pari a 1000,00 euro;

– La cila in sanatoria a Roma puo’ essere presentata anche in corso d’opera pagando la sanzione di euro 333,00;

Dove si presenta il fine lavori della cila ?

Attraverso il SUET si presenta la comunicazione di fine lavori della cila allegando la variazione catastale ed il collaudo delle opere a firma del direttore dei lavori dove necessario;

Obbligo direzione dei lavori nella pratica cila?

Nella cila c’è la possibilità di inserire, oltre al tecnico progettista asseverante, la figura del direttore dei lavori. Questa figura non è obbligatoria in quanto non prevista dalla normativa nazionale per le opere rientranti in comunicazione inizio lavori asseverata. Il titolare della domanda (capofila al suet), ha quindi la facoltà di decidere se nominare un direttore dei lavori o meno, lo stesso se in possesso di firma digitale può, a fine lavori firmare il collaudo delle opere. Se non viene nominato un direttore dei lavori il costo cila a Roma rimane sicuramente più contenuto, ma dovrete seguire i lavori in prima persona.

Lavori in economia è possibile con la cila fare i lavori senza ditta?

Se i lavori non sono complessi e non riguardano impianti quali elettrico, idrico e gas, si ha la possibilità sulla CILA al SUET di inserire la spunta lavori in economia. Per lavori in economia si intende che le opere vengono eseguite senza ditta e quindi in prima persona. Come abbiamo detto se i lavori sono una ristrutturazione di casa con modifica ad alcuni impianti non è possibile indicare che vengono svolti senza un’impresa, perchè tali opere necessitano a fine lavori del rilascio della conformità.

Serve la comunicazione CILA a Roma per ristrutturare il bagno?

Il rifacimento del bagno generalmente implica la ristrutturazione dell’impianto idrico, il quale oltre al permesso necessita anche del rilascio della conformità impiantistica da parte della ditta o idraulico che effettua i lavori. La pratica edilizia è sempre la cila. Stesso discorso vale per gli altri impianti della casa come quello elettrico e sopratutto quello del gas (nel caso di ristrutturazione della cucina).

Si può demolire un muro portante con la cila?

Quando si vanno a toccare strutture portanti, bisogna sempre presentare prima dei lavori la richiesta di autorizzazione al comune di Roma. In questo caso la pratica edilizia si chiama scia (segnalazione certificata inizio attività) che si presenta corredata dalle giuste relazioni di staticità dell’immobile.

Posso allargare o chiudere una finestra con la cila?

Trattandosi di modifiche del prospetto, le nuove aperture di finestre o cambiamento delle dimensioni di quelle esistenti, ricadono in manutenzione straordinaria e’ quindi per fare questa tipologia di lavori occorre presentare al municipio di competenza la scia prima di iniziare i lavori e non la cila.

Domande piu’ frequenti riguardo la CILA a Roma

  1. Devo cominciare i lavori di ristrutturazione dell’appartamento a Roma cosa serve? La pratica che devi presentare a Roma e’ la cila o meglio comunicazione di inizio lavori asseverata.Complicato il nome ma semplice nella sua elaborazione, infatti dal nome la cila e’ una comunicazione che il committente (titolare o avente diritto) deve presentare al municipio di competenza.
  2. Serve altro per presentare la cila a Roma? la risposta alla domanda e’ si, infatti pur essendo una comunicazione (quindi non un vero e proprio titolo abilitativo) la sua presentazione deve essere subordinata alla scelta di un tecnico abilitato (geometra, architetto o ingegnere).Il quale preparera’ gli elaborati ante operam(situazione prima dell’ inizio dei lavori) e post operam(situazione che si vuole raggiungere alla fine dei lavori), nonche’ la relazione tecnica asseverata allegato obblgatorio alla cila.
  3. Quanto mi costa la cila a Roma? Roma il Comune ha fissato per i diritti di segreteria della cila l’importo di euro 251,24 da pagare o attraverso il portale siriweb o attraverso bonifico bancario.L’onorario di un tecnico a Roma per la presentazione della cila si aggira intorno i 350,00/450,00 euro, il tutto pero’ dipende dalla tipologia dell’appartamento.
  4. Una volta presentata la cila quanto devo aspettare prima di iniziare i lavori? Dopo la trasmissione della cila attraverso lo sportello SUET(sportello unico telematico per l’edilizia), avendo ottenuto la ricevuta di protocollo, la ristrutturazione puo’ iniziare subito.Per quanto riguarda i tempi di lavorazione, un tecnico esperto impiega circa 72 ore per spedire la cila telematicamente.
  5. Cosa devo fare una volta terminati i lavori di ristrutturazione per chiudere la cila? Una volta terminati i lavori il tecnico che ha presentato la comunicazione di inizio lavori dovra’ presentare la comunicazione di fine lavori, il tutto sempre attraverso il SUET.
  6. Devo cambiare la nuova piantina del catasto a fine lavori? Si, e’ necessario presentare la nuova planimetria catastale aggiornando la nuova disposizione interna.Il tutto per mantenere la conformita’ tra urbanistica e catasto e poter in futuro vendere l’appartamento senza problemi.

Link utili: