Menu Chiudi

Quando serve il permesso del comune per fare i lavori a Roma

Se stai leggendo questa pagina vuoi sapere quando serve il permesso per fare i lavori in casa a Roma. Nello specifico vuoi sapere se determinate opere di manutenzione dell’appartamento hanno bisogno di un autorizzazione da parte del comune.

Tutte le opere che descriveremo rientrano nell’art.3 comma b) del D.P.R. 380/01 

Le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino la volumetria complessiva degli edifici e non comportino modifiche delle destinazioni di uso

Serve il permesso per spostare i muri di casa?

Quando si effettuano lavori di ristrutturazione la maggior parte delle volte vengono spostati i tramezzi interni della casa per creare o un bagno in più o una cameretta, da sfruttare per un figlio o per un parente in visita. Questo tipo di opere rientrano nella manutenzione straordinaria ed a Roma necessitano di un permesso del comune che viene chiamato cila (comunicazione inizio lavori asseverata).

Serve il permesso per rifare il bagno di casa o gli impianti della casa (elettrico-gas)?

Il rifacimento del bagno generalmente implica la ristrutturazione dell’impianto idrico, il quale oltre al permesso necessita anche del rilascio della conformità impiantistica da parte della ditta o idraulico che effettua i lavori. La pratica edilizia è sempre la cila. Stesso discorso vale per gli altri impianti della casa come quello elettrico e sopratutto quello del gas (nel caso di ristrutturazione della cucina).

Se ti serve un preventivo gratuito per la pratica cila o scia compila tutti i campi o chiamaci

Chiedi il tuo preventivo gratuito

Serve il permesso se devo demolire un muro portante dell’appartamento?

Quando si vanno a toccare strutture portanti, bisogna sempre presentare prima dei lavori la richiesta di autorizzazione al comune di Roma. In questo caso la pratica edilizia si chiama scia (segnalazione certificata inizio attività) che si presenta corredata dalle giuste relazioni di staticità dell’immobile.

Serve il permesso per allargare una finestra o aprirne una nuova?

Trattandosi di modifiche del prospetto, le nuove aperture di finestre o cambiamento delle dimensioni di quelle esistenti, ricadono in manutenzione straordinaria e’ quindi per fare questa tipologia di lavori occorre presentare al municipio di competenza la scia prima di inziare i lavori.

Esempio delle opere rientranti in manutenzione straordinaria

Di seguito un elenco non completo degli interventi rientranti in manutenzione straordinaria

  • sostituzione degli infissi di forme e misure diverse
  • ristrutturazione servizi igienico-sanitari
  • realizzazione opere strutturali di pertinenza
  • sostituzione caldaia
  • rifacimento scale recinzioni, muri di cinta e cancellate
  • tramezzi
  • interventi strutturali
  • consolidamento strutturale e fondazioni

Ovviamente nella manutenzione straordinaria rientra la ristrutturazione della casa dove vengono spostati i tramezzi interni, le porte e vengono rinnovati gli impianti (elettrico, gas, idrico).

Quando serve un tecnico abilitato per i lavori di ristrutturazione della casa a Roma?

Sia nel caso di pratica cila che in quello di pratica scia è richiesto un tecnico abilitato geometra, architetto, ingegnere che predisponga gli elaborati di progetto (ante, inter e post-operam) e sottoscrivendo la relazione tecnica asseverata che è sempre un allegato obbligatorio.

Per approfondimenti riguardo alle pratiche cila e scia ed i relativi costi vi invitiamo a leggere gli articoli