Menu Chiudi

Unire appartamenti, regole, permessi e costo per risparmiare sulle tasse

Unire appartamenti può essere una soluzione quando la famiglia cresce e si ha bisogno di più spazio. Questo può avvenire in vari modi, come combinare due appartamenti uno sopra l’altro o sullo stesso piano, creando una casa più grande. Ma ci sono aspetti importanti da considerare.

Prima di tutto, è necessario capire che non si tratta solo di lavori fisici, ma ci sono implicazioni amministrative e fiscali. La fusione delle unità immobiliari richiede registrazioni catastali e può comportare costi burocratici. Quindi, è essenziale comprendere gli aspetti formali e fiscali prima di procedere.

unire appartamenti permessi e regole
Unire appartamenti permessi e regole

Questa guida fornirà tutte le informazioni di cui hai bisogno per affrontare questa sfida in modo informato e senza sorprese.

Fusione di appartamenti i 3 concetti da tenere bene a mente

La fusione di unità immobiliari è spesso un passo necessario e per riuscirci, è essenziale comprendere i passi da seguire.

Innanzitutto, potresti dover abbattere una parete o creare un passaggio attraverso una porta tra le due unità abitative da unire. Se queste unità si trovano a piani diversi, la costruzione di una scala diventa inevitabile per collegarle in modo funzionale.

Inoltre, è fondamentale coinvolgere un tecnico specializzato che possa redigere un progetto di unione, il quale dovrà essere comunicato al Comune per le necessarie autorizzazioni.

L’obiettivo principale in tutto ciò è creare un ambiente unico senza richiedere passaggi esterni, garantendo un’unione fisica e funzionale tra le unità immobiliari coinvolte.

Ottieni ora un Preventivo Gratuito

Scrivici oggi stesso per scoprire come possiamo aiutarti!

Scrivici ora!

Quanto costa unire appartamenti?

Certamente, unire due appartamenti può comportare variazioni dei costi. Nella situazione più semplice, quando si tratta di unire due appartamenti adiacenti, i costi tendono a essere più contenuti. Qui, le modifiche si limitano all’abbattimento di una parete o all’apertura di una porta.

Tuttavia, se desideri rivedere completamente la disposizione degli spazi o gli impianti, come l’elettricità e il riscaldamento, i costi possono aumentare notevolmente. Lo stesso vale se desideri uniformare la pavimentazione in tutta la casa dal punto di vista estetico.

Nel caso in cui i due appartamenti siano situati su piani diversi, dovrai anche considerare l’installazione di una scala di collegamento, il che potrebbe comportare sfide aggiuntive, come la posizione della scala e la necessità di aprire il solaio. In questo caso, i costi potrebbero essere più elevati. Quindi, il costo di unire due appartamenti varia in base alle tue preferenze e alle specifiche necessità.

Piccolo esempio di costo fusione per 2 appartamenti

Ecco un esempio concreto da tenere in considerazione! L’idea di unire due bilocali di 70 metri quadrati ciascuno, con la rimozione di una parete e la necessità di eseguire alcune opere edili di base come il livellamento del pavimento e la copertura di una o due porte, si aggira intorno a un costo di circa 17.000 euro.

Tuttavia, è fondamentale ricordare che i progetti di ristrutturazione possono sempre nascondere imprevisti. Quindi, è prudente aggiungere almeno 1500 euro al budget iniziale per far fronte a eventuali costi inaspettati. La pianificazione accurata e una piccola riserva finanziaria possono fare la differenza quando ti lanci in un progetto simile.

Quanto costa la pratica tecnica per unire appartamenti?

Unire due appartamenti comporta inevitabilmente costi burocratici da considerare attentamente. L’iter coinvolge la presentazione di una Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (CILA) al comune, indipendentemente dal numero di appartamenti da unire. Questo documento è cruciale per avviare la procedura legale.

In termini finanziari, è necessario pianificare un budget approssimativo che oscilla tra 1.500 e 2.800 euro per le spese amministrative. Per evitare complicazioni, è altamente consigliato rivolgersi a un geometra esperto specializzato nella gestione delle pratiche CILA, poiché potrà guidarti attraverso il processo in modo efficiente e professionale.

Ottieni ora un Preventivo Gratuito

Scrivici oggi stesso per scoprire come possiamo aiutarti!

Scrivici ora!

Unire appartamenti: l’importanza della fusione catastale per risparmiare sulle tasse

Unire due appartamenti è un passo importante, che non solo può trasformare il tuo spazio, ma ha anche risonanze nel mondo burocratico e fiscale. Immagina di creare un’unica unità abitativa da due appartamenti separati.

Questo influenzerà il pagamento delle tasse, tra cui l’Imu. Per evitare che uno dei due appartamenti venga tassato come seconda casa, è essenziale procedere con la fusione catastale delle unità immobiliari, assicurandosi che il proprietario sia sempre la stessa persona.

Per rendere questa fusione davvero tangibile agli occhi delle autorità, potresti anche considerare interventi più sostanziali come la modifica dei tramezzi o l’apertura di nuove finestre, dimostrando che ora hai un’unica e più grande unità immobiliare. Quindi, tenendo presente queste considerazioni, fai una scelta informativa e consapevole.

Fusione catastale a cosa fare attenzione

La fusione catastale è un procedimento che richiede una visita all’ufficio tecnico del tuo Comune di residenza, seguita dalla presentazione di tutta la documentazione necessaria per attestare l’unificazione di due appartamenti. Una volta presentata la pratica SCIA o CILA, dovrai procedere con la richiesta di accorpamento degli appartamenti. Questo può comportare un aumento della rendita catastale, ma al contempo può portare a un risparmio fiscale.

Tieni presente che la somma dei metri quadri totali non dovrebbe superare i 240, altrimenti l’appartamento verrà considerato di lusso e non potrà beneficiare della cancellazione dell’Imu. Per questo motivo, è fondamentale rivolgersi a un professionista del settore che possa guidarti attraverso l’intero processo in modo efficace e senza errori.

Unire Appartamenti con Diversi Proprietari

Quando si considera l’idea di unire due appartamenti adiacenti, è fondamentale valutare attentamente la situazione, soprattutto se i due immobili sono di proprietà di individui diversi. Questo scenario può verificarsi, ad esempio, quando due appartamenti vicini sono intestati a due persone diverse, anche se fanno parte dello stesso nucleo familiare, come nel caso di un marito e una moglie.

Scelta dell’Imu su una delle due Abitazioni

In questa situazione, l’Imposta Municipale Unica (Imu) dovrà essere applicata solo su uno dei due appartamenti, e la decisione spetta ai proprietari stessi. Tuttavia, è importante notare che l’Agenzia delle Entrate ha precisato che la fusione vera e propria tra due appartamenti di proprietari diversi non è possibile. Tuttavia, è comunque fattibile ottenere una sorta di riconoscimento dell’unione degli archivi catastali a fini fiscali. Questo processo è noto come “fusione fiscale di immobili.”

Procedure per la Fusione Fiscale

Per effettuare questa operazione, è necessario presentare due dichiarazioni di variazione distinte, una per ciascun appartamento coinvolto, e allegare una planimetria dell’intera unità immobiliare oggetto dell’unione. Questo passo è cruciale per garantire che le autorità fiscali tengano conto dell’unità immobiliare combinata per scopi fiscali.

Acquisto di una Stanza dal Vicino

Se non desideri unire completamente due appartamenti ma vuoi comunque espandere la tua abitazione, hai un’altra opzione: acquistare una porzione di immobile adiacente al tuo, come una singola stanza dal vicino.

Semplificazione delle Procedure

In questo caso, le procedure burocratiche e amministrative sono abbastanza simili a quelle necessarie per la fusione completa tra due appartamenti. Devi collaborare con un tecnico, presentare la dichiarazione al Comune e avviare la procedura di fusione catastale.

Modifiche alle Rendite Catastali

Va notato che questa modifica comporterà delle variazioni nelle rendite catastali. L’immobile ampliato avrà una rendita più elevata, mentre la rendita dell’altro appartamento contiguo, che ora consiste in una sola stanza, sarà inferiore. Questa riduzione della rendita sarà applicata anche al vicino che detiene la restante parte dell’appartamento. Quindi, è importante considerare attentamente le implicazioni fiscali e burocratiche quando si prende in considerazione l’unione o l’acquisto di porzioni di immobili adiacenti.

Unione di due appartamenti per il Bonus Prima Casa

Domanda Comune: “Se compro l’appartamento accanto al mio, posso usufruire delle agevolazioni prima casa?”

Molte persone si interrogano sulla possibilità di unire due appartamenti e ottenere il bonus prima casa. La risposta è affermativa, ma alcune considerazioni sono necessarie.

Condizione Importante: Per ottenere il bonus prima casa, è necessario acquistare due appartamenti adiacenti e procedere all’unione dei due. La Cassazione ha chiarito che anche se non si effettua una fusione catastale, è possibile ottenere il bonus, a condizione che il proprietario dimostri l’effettiva unificazione in caso di verifica da parte dell’Agenzia delle Entrate.

Esempio: Se acquisti due appartamenti adiacenti, potresti beneficiare del bonus prima casa, risparmiando notevolmente sulle imposte di registrazione e successione. Tuttavia, assicurati di documentare l’unione dei due al fine di evitare possibili complicazioni future.

In sintesi, l’unione di due appartamenti per ottenere il bonus prima casa è possibile, ma è fondamentale mantenere una documentazione accurata per garantire il riconoscimento delle agevolazioni.

Ecco una tabella che presenta le fasi da seguire per unire appartamenti

FaseDescrizione
1.Valutazione legale: Consulta un avvocato o un notaio per assicurarti di rispettare le normative locali e i regolamenti condominiali relativi all’unione di appartamenti.
2.Ottenere consenso: Assicurati di ottenere il consenso degli altri proprietari nell’edificio, se necessario. Potrebbe essere richiesta un’assemblea condominiale.
3.Valutazione strutturale: Richiedi una valutazione strutturale da un ingegnere o architetto per verificare la fattibilità dell’unione e identificare le modifiche necessarie.
4.Pianificazione e progettazione: Collabora con un architetto o progettista per creare un piano dettagliato dell’unione, inclusi piani, schemi e specifiche tecniche.
5.Ottieni le autorizzazioni: Richiedi le autorizzazioni necessarie dalle autorità locali, come il permesso di costruire o ristrutturare.
6.Assumi professionisti: Contratta con imprese edili, elettricisti, idraulici, ecc., per eseguire i lavori in conformità con il progetto.
7.Lavori di costruzione: Monitora l’avanzamento dei lavori e assicurati che tutto sia conforme al progetto.
8.Verifica la conformità: Al termine dei lavori, verifica che tutto sia stato eseguito correttamente e in conformità con le normative.
9.Fusione catastale: Deposita la documentazione necessaria per la fusione catastale presso l’ufficio competente.
10.Trasferimento di proprietà: Aggiorna il registro immobiliare per riflettere la nuova unità abitativa unita.
11.Verifica fiscale: Assicurati di rispettare gli obblighi fiscali relativi all’acquisto e all’unione degli appartamenti.
12.Assicurazioni: Aggiorna le tue polizze assicurative per riflettere le modifiche alla tua proprietà.
13.Celebra il successo: Ora puoi goderti il tuo nuovo spazio unito!

Ricorda che le specifiche fasi e le autorizzazioni richieste possono variare in base alla giurisdizione e ai regolamenti locali, quindi è fondamentale consultare professionisti esperti nella tua zona.

Leggi anche...