Dichiarazione di Successione Roma

Che cosa e’ la successione a cosa serve

Nella dichiarazione di successione è indicato il trasferimento di tutti i rapporti giuridici, attivi e passivi, del de cuius a favore degli eredi, definiti per legge o per testamento, o dei legatari, ovvero i rappresentanti legali degli eredi.Se gli eredi sono più di uno, deve comunque essere presentata un’unica dichiarazione di successione. Nella stessa dichiarazione di successione verranno infatti indicati tutti gli eredi e la suddivisione dell’intera eredità del de cuius in proporzione alle proprie quote spettanti.La dichiarazione di successione deve essere presentata entro un anno dal momento in cui si apre la successione, che generalmente coincide con la morte del de cuius e dovrà essere depositata presso la sede dell’Agenzia delle Entrate di competenza, definita rispetto all’ultimo indirizzo di residenza del de cuius.

Chi deve presentare la dichiarazione di successione?

La domanda di successione, necessaria per entrare in possesso dei beni, mobili e immobili, contenuti nel testamento di una persona deceduta, deve essere presentata dagli eredi del defunto, dai legatari e dai loro rappresentanti legali.Oltre a queste figure, sono tenuti a presentare la domanda di successione anche gli amministratori dell’eredità, gli esecutori testamentari e i curatori delle eredità giacenti.In caso di morte presunta o di assenza del defunto devono presentare la domanda di successione anche gli immessi in possesso dei beni.

Come e dove si presenta la domanda di successione?

La dichiarazione di successione si presenta all’Agenzia delle Entrate competente, obbligatoriamente quando nell’asse ereditario sono presenti immobili, e per il 2017 si possono seguire diverse vie La dichiarazione deve essere presentata entro 12 mesi dalla data di apertura della successione che coincide, generalmente, con la data del decesso del contribuente.

Per la compilazione della dichiarazione per tutto il 2017 è possibile seguire due vie diverse:

  1. Utilizzando il vecchio Modello 4 (solo per il periodo transitorio dal 23 gennaio 2017 al 31 dicembre 2017):
    • versione cartacea tramite il Modello 4, in questocaso la dichiarazione di successione può essere consegnata direttamente presso l’ufficio territoriale competente (ultima residenza nota della persona deceduta) oppure inviata tramite raccomandata. In questo caso ai fini della data di presentazione fa testo il giorno di consegna all’ufficio postale.
    • o presentazione on line.
      Se il defunto risiedeva all’estero ma in precedenza aveva risieduto in Italia, la dichiarazione di successione deve essere presentata all’ufficio dell’Agenzia nella cui circoscrizione era stata fissata l’ultima residenza italiana. Se quest’ultima non è conosciuta, la dichiarazione va presentata presso la Direzione Provinciale II di ROMA – Ufficio Territoriale ROMA 6 – EUR TORRINO, in Via Canton 20 – CAP 00144 Roma.
  2. Se invece si sceglie la compilazione del nuovo modello “Dichiarazione di successione e domanda di volture catastali compilabile con l’apposito software (approvato il 27 dicembre 2016) è possibile seguire tre vie:
    • presentare la dichiarazione tramite la propria area riservata del sito delle Entrate;
    • rivolgersi ad un intermediario abilitato;
    • consegnare il modello cartaceo presso un ufficio dell’Agenzia ai fini della sua trasmissione.

Dal 1° gennaio 2018, invece, la via telematica diventerà l’unica percorribile utilizzando il nuovo modello esclusivamente per via telematica

Quando si deve presentare la dichiarazione di successione?

La domanda di successione deve essere presentata entro un anno (12 mesi) dalla data di apertura delle pratiche di successione che solitamente coincide con la data del decesso. Dopo la presentazione della domanda di successione è necessario, entro il termine di trenta giorni, presentare anche la domanda di voltura degli immobili presenti nel testamento.

Quando non si deve presentare la domanda di successione?

Ci sono solo tre casi nei quali la presentazione della domanda di successione non è obbligatoria e sono:

– L’eredità è ad appannaggio del coniuge del defunto o dei parenti in linea diretta;

– L’eredità – comprensiva di beni mobili e immobili – ha un valore totale inferiore a 100 mila euro.

– L’eredità non include beni immobili.

Documenti necessari  successione Roma

  • Estratto per riassunto atto di morte e/o certificato di morte.
  • Estratto per riassunto atto di matrimonio.
  • Stato di famiglia storico/originario o dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà.
  • Copia carta d’identità e codice fiscale del De-Cuius.
  • Copia carta d’identità e codice fiscale degli eredi.
  • Documenti di provenienza beni immobili (atti notarili di compra-vendita, donazioni, divisioni, cessioni di quote, successioni,permute,sentenze di usucapione).
  • Documenti catastali (certificati e visure catastali, denunce di accatastamento e variazione immobili, planimetrie unità immobiliari, estratti mappa e frazionamenti terreni).
  • Documenti (atti notarili) relativi a cessioni avvenute negli ultimi sei (6) mesi di vita del De-Cuius.
  • Dichiarazione di banca o posta attestante l’esistenza e la consistenza di conti correnti, certificati di deposito, titoli azionari, etc. intestati al De-Cuius alla data del decesso).
  • Certificazioni o dichiarazioni di banca o posta che attestano l’esistenza di debiti intestati al De-Cuius alla data del decesso (es. mutuo, finanziamenti, etc).
  • Eventuali crediti IRPEF non riscossi.
  • Eventuali crediti/debiti potenziali (es.cause contenzioso e