Menu Chiudi

Requisiti abitazioni-superfici-altezze- illuminazione

Quali sono i requisiti minimi delle abitazioni? Le superfici, le altezze e l’illuminazione

Quando si parla di norme edilizie riguardanti gli ambienti interni di una casa, è importante comprendere la gerarchia dei vari vani. Ogni ambiente ha requisiti specifici che devono essere rispettati per garantire la sicurezza, la funzionalità e il comfort degli occupanti. Di seguito, ti fornirò una panoramica dei principali ambienti e dei requisiti associati a ciascuno di essi.

requisiti abitazioni superfici altezze illuminazione aereazione
Requisiti abitazioni superfici altezze illuminazione aereazione
  1. Soggiorno e camere da letto

Il soggiorno e le camere da letto sono gli spazi principali di una casa, dedicati al riposo, al relax e alle attività quotidiane. Per garantire il benessere degli abitanti, è necessario rispettare i seguenti requisiti:

  • Superficie minima: solitamente, ogni camera da letto dovrebbe avere una superficie di almeno 9 metri quadrati, mentre il soggiorno dovrebbe essere di almeno 12 metri quadrati.
  • Altezza minima: l’altezza minima richiesta per queste stanze è di solito di 2,7 metri.
  • Illuminazione: è necessario garantire una buona illuminazione naturale e artificiale in entrambi gli ambienti. Le finestre e le luci artificiali devono essere progettate in modo da garantire un’adeguata luminosità.
  1. Cucina

La cucina è un ambiente fondamentale per la preparazione dei pasti e può variare in dimensioni e configurazione a seconda delle esigenze. Ecco alcuni requisiti comuni per una cucina:

  • Superficie minima: generalmente, una cucina dovrebbe avere una superficie minima di almeno 7-8 metri quadrati.
  • Altezza minima: l’altezza minima richiesta per la cucina è di solito di 2,4 metri.
  • Piano cottura e lavandino: la presenza di un piano cottura e di un lavandino è fondamentale per garantire la funzionalità della cucina.
  1. Bagno

Il bagno è un ambiente di vitale importanza in una casa e richiede specifici requisiti igienici e funzionali. Ecco alcune norme comuni per un bagno:

  • Superficie minima: in genere, un bagno dovrebbe avere una superficie minima di almeno 3-4 metri quadrati.
  • Altezza minima: l’altezza minima richiesta per un bagno è di solito di 2,4 metri.
  • Sanitari: un bagno standard dovrebbe essere dotato di lavabo, WC e doccia o vasca da bagno. La disposizione e le distanze tra questi elementi devono essere conformi alle norme igieniche.

È importante tenere presente che i requisiti sopra elencati sono solo indicativi e possono variare leggermente da un regolamento edilizio comunale all’altro. È sempre consigliabile consultare il regolamento edilizio specifico del proprio comune per ottenere informazioni precise e aggiornate sulle norme locali.

Inoltre, è essenziale notare che le norme edilizie si applicano principalmente alle nuove costruzioni e agli interventi che modificano la destinazione funzionale dei singoli ambienti. Per gli ambienti esistenti che non subiscono modifiche, è generalmente consentito mantenere le condizioni già presenti, a condizione che non si peggiori la situazione igienico-sanitaria e che non si introducano utilizzi di maggior pregio rispetto a quelli esistenti.

Piccolo esempio

Ad esempio, se hai un bagno con altezza inferiore a quella prescritta dalle norme attuali, ma non prevedi di ridurre ulteriormente l’altezza o cambiare la destinazione d’uso dell’ambiente, le norme non si applicheranno a quel bagno specifico. Tuttavia, se decidi di trasformare quel bagno in un soggiorno più ampio, dovrai rispettare l’altezza minima richiesta per un soggiorno.

Ricorda che il rispetto delle norme edilizie è importante non solo per garantire la conformità legale, ma anche per assicurare la sicurezza e il comfort degli occupanti. Seguire le norme adeguate contribuisce a creare ambienti abitativi funzionali, salubri e armoniosi.

Ottieni ora un Preventivo Gratuito

Scrivici oggi stesso per scoprire come possiamo aiutarti!

Scrivici ora!

Per ottenere informazioni precise sulle norme edilizie e sui requisiti specifici per gli ambienti interni, ti consiglio di consultare il regolamento edilizio del tuo comune o di rivolgerti a professionisti del settore, come architetti o ingegneri edili, che possono fornirti indicazioni dettagliate e personalizzate in base alle tue esigenze.

Ricorda che le norme edilizie sono in continua evoluzione, quindi è importante tenersi aggiornati sulle ultime disposizioni per assicurare la conformità alle regolamentazioni vigenti.

Locali primari, di supporto e accessori: tutto quello che c’è da sapere

Quando si parla di spazi all’interno di un’unità immobiliare, è importante comprendere le diverse categorie di locali e le loro caratteristiche specifiche. In questo articolo, esploreremo le definizioni e le distinzioni tra locali primari, locali di supporto e locali accessori, fornendo una panoramica completa su questo argomento.

Definizioni

Prima di addentrarci nelle diverse categorie di locali, è fondamentale avere una chiara comprensione del termine “locale” stesso. Un locale è una porzione di unità immobiliare che è destinata ad uno specifico utilizzo e che possiede una propria autonomia funzionale. È importante notare che i volumi tecnici e gli spazi dedicati alla protezione dell’edificio o alla manutenzione degli impianti non sono considerati locali, anche se sono accessibili, come ad esempio gli scannafossi o i cavedi.

Requisiti abitazioni le categorie di locali

I locali possono essere suddivisi nelle seguenti categorie:

  1. Locali primari: i locali primari sono quelli che comportano la permanenza continuativa di persone. Questi spazi sono destinati a funzioni abitative o ricreative e sono considerati le aree principali dell’unità immobiliare. Alcuni esempi comuni di locali primari includono le camere da letto e i soggiorni. Sono ambienti in cui le persone trascorrono la maggior parte del loro tempo all’interno dell’edificio.
  2. Locali di supporto: i locali di supporto sono spazi che servono a supportare le funzioni dei locali primari. Questi locali forniscono servizi o strutture ausiliarie necessarie per il corretto funzionamento dell’unità immobiliare. Essi includono aree come le cucine, i bagni, gli spazi di disimpegno, le dispense, i guardaroba e le lavanderie. I locali di supporto sono fondamentali per garantire il comfort e la funzionalità degli spazi primari.
  3. Locali accessori: i locali accessori sono destinati esclusivamente a funzioni complementari e comportano una presenza solo saltuaria ed occasionale di persone. Questi spazi sono meno utilizzati rispetto ai locali primari e di supporto e sono generalmente dedicati a scopi di stoccaggio o conservazione. Gli esempi di locali accessori includono soffitte, cantine, ripostigli e spazi simili.

Importanza della distinzione tra le categorie

La distinzione tra locali primari, locali di supporto e locali accessori è fondamentale per diversi motivi. Innanzitutto, aiuta a definire il ruolo e la funzione di ogni spazio all’interno dell’unità immobiliare. Questa distinzione è importante per garantire che l’edificio sia progettato e organizzato in modo adeguato, in modo da soddisfare le esigenze degli occupanti.

Inoltre, la categorizzazione dei locali è rilevante per questioni normative e di sicurezza. Le regolamentazioni edilizie possono stabilire requisiti specifici per l’utilizzo, le dimensioni e le caratteristiche dei diversi tipi di locali. Ad esempio, potrebbero essere richiesti standard diversi per la ventilazione, l’illuminazione e le misure di sicurezza nei locali primari rispetto ai locali accessori.

Ottieni ora un Preventivo Gratuito

Scrivici oggi stesso per scoprire come possiamo aiutarti!

Scrivici ora!

La conoscenza delle diverse categorie di locali può anche influenzare la pianificazione degli spazi all’interno di un’unità immobiliare. Aiuta a determinare la disposizione ottimale dei locali primari e dei locali di supporto in base alle esigenze e alle preferenze degli occupanti.

Inoltre, la distinzione tra locali primari, locali di supporto e locali accessori può influire sui valori di valutazione delle proprietà immobiliari. Gli esperti valutatori prendono in considerazione la qualità e la funzionalità dei diversi spazi all’interno di un’unità immobiliare durante il processo di valutazione. La presenza di locali primari ben progettati e funzionali può aumentare il valore complessivo della proprietà.

I locali primari, i locali di supporto e i locali accessori sono categorie fondamentali quando si tratta di comprendere gli spazi all’interno di un’unità immobiliare. Ogni categoria ha un ruolo specifico e una funzione chiara nel contesto dell’utilizzo dell’edificio. La distinzione tra questi locali è importante per la progettazione, la normativa edilizia, la sicurezza e la valutazione delle proprietà immobiliari.

Se stai progettando o valutando un’unità immobiliare, è essenziale considerare attentamente l’organizzazione e l’uso dei diversi tipi di locali. Assicurati di soddisfare i requisiti normativi, di garantire la funzionalità degli spazi primari e di supporto, e di massimizzare il valore complessivo dell’immobile. Una pianificazione attenta e una conoscenza approfondita dei locali primari, dei locali di supporto e dei locali accessori ti aiuteranno a raggiungere questi obiettivi in modo efficace e soddisfacente.

Le categorie dei locali di abitazione: tutto quello che c’è da sapere

Quando si tratta di classificare i locali di abitazione, è importante considerare la funzione che svolgono e le relative caratteristiche igienico-sanitarie. Ogni tipo di locale viene assegnato a una specifica classe di pregio, che determina le verifiche e gli standard a cui devono sottostare. In questo articolo, esploreremo le diverse categorie dei locali di abitazione e le classi di pregio ad esse associate.

Ecco una tabella che illustra i vari tipi di locali e le rispettive classi di pregio:

CategoriaTipo di localiClasse di pregio
Locali primariCamere da letto e soggiorni1
Sale da pranzo, cucine abitabili, salottini, studi e altri locali assimilabili2
Locali di supportoSpazi di cottura e servizi igienici3
Spazi di disimpegno e distribuzione verticale ed orizzontale, dispense, guardaroba, lavanderie e simili4
Locali accessoriSoffitte, cantine, ripostigli e simili5

Ogni classe di pregio rappresenta una valutazione della funzione e dell’importanza del locale in relazione alla sua utilità all’interno dell’abitazione. Ad esempio, i locali primari come le camere da letto e i soggiorni sono assegnati alla classe 1, che indica la massima importanza e la maggiore attenzione igienico-sanitaria richiesta.

  • Le sale da pranzo, le cucine abitabili, i salottini, gli studi e altri locali assimilabili rientrano nella classe 2. Sebbene abbiano ancora un’importanza significativa, richiedono un livello leggermente inferiore di verifiche igienico-sanitarie rispetto ai locali primari.
  • Passando ai locali di supporto, come gli spazi di cottura e i servizi igienici, siamo nella classe 3. Questi locali, sebbene necessari, non hanno lo stesso grado di pregio dei locali primari e richiedono una minore attenzione igienica.
  • La classe 4 comprende gli spazi di disimpegno e distribuzione verticale ed orizzontale, le dispense, i guardaroba, le lavanderie e simili. Questi locali svolgono una funzione di supporto e organizzazione all’interno dell’abitazione, ma non richiedono lo stesso livello di rigore igienico delle categorie precedenti.

Conclusione in sintesi

Infine, i locali accessori come le soffitte, le cantine e i ripostigli rientrano nella classe 5. Questi locali hanno un’importanza relativamente minore rispetto agli altri, pertanto le verifiche igienico-sanitarie richieste sono meno stringenti.

È interessante notare come la classe di pregio attribuita a ciascun locale rifletta la sua importanza e il suo valore all’interno dell’abitazione. Ad esempio, il soggiorno, che rientra nella

categoria dei locali primari (classe 1), viene considerato più prezioso rispetto al bagno, che invece appartiene alla classe 3. Allo stesso modo, le cantine, classificate come locali accessori (classe 5), hanno un valore inferiore rispetto agli spazi di vita principali.

In conclusione, le categorie dei locali di abitazione e le relative classi di pregio rappresentano un sistema di valutazione che tiene conto dell’importanza e delle esigenze igienico-sanitarie dei diversi ambienti all’interno di una casa. Queste informazioni possono essere utili per comprendere meglio la classificazione dei locali e garantire il rispetto degli standard igienico-sanitari appropriati per ciascun tipo di ambiente domestico.

Rapporto aeroilluminante: cos’è e quali sono le verifiche?

Il rapporto aeroilluminante è un parametro normativo che stabilisce la quantità di luce naturale e illuminazione necessaria in determinati locali delle abitazioni. Secondo il Decreto Ministeriale 75 (DM 75), che rappresenta il livello normativo nazionale in materia, i locali devono garantire una specifica superficie aeroilluminante.

La superficie aeroilluminante di un locale è definita come la superficie finestrata apribile, misurata senza considerare i telai delle finestre o delle porte finestre, che si affaccia direttamente su spazi liberi. Queste superfici devono rispettare dei rapporti, noti come rapporti aeroilluminanti, con le superfici pavimentate del locale.

Ma cosa significa in pratica? Significa che per ogni metro quadrato di pavimento deve essere garantita una determinata superficie di parete o tetto finestrata. Tuttavia, non possono essere considerate le finestre lucifere per il calcolo dei rapporti aeroilluminanti.

Secondo l’articolo 5 del DM 75, tutti i locali degli alloggi, ad eccezione dei servizi igienici, dei disimpegni, dei corridoi, dei vani-scala e dei ripostigli, devono avere una superficie finestrata apribile non inferiore a 1/8 della superficie del pavimento. Ad esempio, se si desidera realizzare una camera di 24 metri quadrati, il vano dovrebbe disporre di una finestra di almeno 3 metri quadrati (24/8).

È importante sottolineare che i regolamenti locali possono aggiungere prescrizioni specifiche. Per approfondire le diverse casistiche legate ai rapporti aeroilluminanti, ti suggeriamo di consultare l’apposito articolo di approfondimento che troverai sul nostro sito.

In conclusione, il rapporto aeroilluminante rappresenta un parametro fondamentale per garantire un adeguato apporto di luce naturale e illuminazione nei locali delle abitazioni. Rispettare tali disposizioni normative contribuisce a creare ambienti più salubri e confortevoli per gli occupanti degli immobili.

Altezza minima dei locali ad uso abitativo: tutto quello che c’è da sapere

L’altezza dei locali ad uso abitativo è un elemento fondamentale da considerare nella progettazione e nella realizzazione di edifici residenziali. La normativa vigente stabilisce valori minimi di altezza libera per i diversi tipi di locali, come bagno, cucina, ripostiglio, camere da letto e soggiorno, al fine di garantire il comfort e la vivibilità degli ambienti.

Secondo il Decreto Ministeriale 75 (DM 75), l’altezza minima dei locali primari, come camere da letto e soggiorno, deve essere di almeno 2,70 metri.

Questa misura viene considerata come un valore di riferimento e assicura un’adeguata altezza per la maggior parte delle situazioni.

Per i locali di supporto, come bagni e cucine, l’altezza minima prescritta dal DM 75 è di 2,40 metri. Anche in questo caso, si tratta di un valore standard che garantisce la praticità e l’utilizzabilità di tali spazi.

Requisiti abitazioni, nota bene

Tuttavia, è importante tenere presente che i regolamenti comunali possono introdurre variazioni rispetto alle prescrizioni del DM 75.

In alcuni casi, i regolamenti locali stabiliscono altezze medie e minime diverse per i locali ad altezza variabile. Ad esempio, potrebbe essere prevista un’altezza media di 2,70 metri e un’altezza minima di 2,40 metri per i locali primari, come specificato nel regolamento comunale.

Un aspetto da considerare riguarda i tetti in legno con orditura primaria e secondaria. L’altezza di riferimento per questi tipi di strutture può variare a seconda del regolamento comunale.

Un’importante precisazione riguarda gli interventi su edifici esistenti. In tali casi, è ammesso il mantenimento delle altezze inferiori rispetto a quelle prescritte successivamente, purché non si peggiorino le condizioni igienico-sanitarie presenti.

Ciò significa che se un edificio esistente ha un’altezza inferiore alle norme attuali e si intende effettuare nuovi interventi, è possibile mantenere l’altezza esistente a condizione che non si comprometta la salubrità dell’ambiente.

Inoltre, in alcuni casi, il regolamento comunale può consentire la realizzazione di servizi igienici con altezza inferiore a quella prescritta, a patto che l’unità abitativa sia già dotata di un altro servizio con altezza di almeno 2,40 metri.

Questo significa che se esiste già un bagno con altezza adeguata nell’unità abitativa, potrebbe essere consentita la realizzazione di un secondo bagno con altezza inferiore alle prescrizioni normative.

Ecco una tabella che riassume le informazioni principali riguardo all’altezza minima dei locali ad uso abitativo:

LocaliAltezza Minima (m)Altezza Media (m)
Locali primari2,70 (DM 75)2,70
Locali di supporto2,40 (DM 75)2,40
Locali accessori1,801,80

Nel caso dei tetti in legno, l’altezza di riferimento può variare a seconda del regolamento comunale.

In conclusione, l’altezza dei locali ad uso abitativo è regolamentata per garantire standard minimi di vivibilità e comfort. È importante seguire le norme del DM 75 e verificare le eventuali specificità dei regolamenti comunali per assicurare il rispetto delle disposizioni vigenti. Nei casi di interventi su edifici esistenti, è possibile mantenere altezze inferiori, a condizione che non si peggiorino le condizioni igienico-sanitarie presenti.

Dimensioni Minime nelle Abitazioni: Tutto ciò che devi sapere

Le dimensioni minime nelle abitazioni rappresentano un aspetto fondamentale nella pianificazione e nella costruzione di spazi abitativi adeguati e confortevoli. Sia che tu stia cercando di acquistare una nuova casa o di affittare un appartamento, conoscere le dimensioni minime richieste per le diverse stanze e aree interne può aiutarti a prendere decisioni informate e a garantire un ambiente abitativo di qualità.

Secondo il DM 75 (Decreto Ministeriale 75), che stabilisce le norme tecniche per le costruzioni in Italia, ci sono specifiche dimensioni minime da rispettare. Queste norme hanno lo scopo di garantire un adeguato comfort e vivibilità negli spazi abitativi. Vediamo nel dettaglio quali sono le dimensioni minime richieste per le diverse stanze.

Monolocale: Secondo il DM 75, un monolocale deve avere una superficie minima, inclusi i servizi igienici, non inferiore a 28 metri quadrati. Se il monolocale è destinato ad ospitare due persone, la superficie minima richiesta è di almeno 38 metri quadrati.

Stanza soggiorno:

Ogni alloggio, indipendentemente dalla sua tipologia, deve essere dotato di una stanza soggiorno con una superficie minima di almeno 14 metri quadrati. Questo spazio è dedicato all’intrattenimento e al relax degli abitanti.

Requisiti abitazioni le camere da letto:

Le camere da letto devono garantire i requisiti minimi di superficie specificati nel DM 75. Per una persona singola, la dimensione minima richiesta è di 9 metri quadrati. Se la camera da letto è destinata ad ospitare due persone, la superficie minima richiesta è di almeno 14 metri quadrati.

Requisiti abitazioni superfici altezze illuminazione, le cucine abitabili:

Secondo il regolamento comunale, le cucine abitabili devono avere una superficie minima di 9 metri quadrati. Questo spazio è destinato alla preparazione e alla consumazione dei pasti.

Altri vani adibiti ad abitazione permanente: Qualsiasi altro vano di categoria primaria destinato ad abitazione permanente, diverso dalle camere da letto e dalla cucina abitabile, deve avere una superficie minima di 9 metri quadrati. Questo può includere, ad esempio, uno studio o una stanza hobby.

Requisiti abitazioni gli spazi di cottura separati dal soggiorno:

Se la cucina è separata e distinta dal soggiorno, cioè ubicata in un locale autonomo dedicato esclusivamente alla funzione di cottura dei cibi, la superficie minima richiesta è compresa tra 4 e 9 metri quadrati.

Queste dimensioni minime sono state stabilite per garantire un adeguato comfort e vivibilità negli spazi abitativi.

È importante notare che queste sono solo le dimensioni minime richieste e che può essere sempre preferibile avere spazi più ampi per garantire un maggiore comfort.

Nel valutare un immobile, è sempre consigliabile considerare anche il layout e la distribuzione degli spazi, oltre alle dimensioni.

Un’abitazione ben progettata con una distribuzione intelligente degli ambienti può rendere un appartamento di dimensioni ridotte molto più vivibile e funzionale.

Ecco una tabella riassuntiva delle dimensioni minime nelle abitazioni:

Tipo di LocaleSuperficie Utile (mq)Descrizione
MonolocaleMinimo 28Superficie minima, inclusi i servizi igienici, non inferiore a 28 metri quadrati.
Monolocale (per due persone)Minimo 38Superficie minima, inclusi i servizi igienici, non inferiore a 38 metri quadrati, se destinato a due persone.
Stanza SoggiornoMinimo 14Ogni alloggio deve essere dotato di una stanza soggiorno di almeno 14 metri quadrati.
Camera da Letto (singola)Minimo 9Camera da letto per una persona singola secondo il DM 75.
Camera da Letto (doppia)Minimo 14Camera da letto per due persone e soggiorni secondo il DM 75.
Cucina AbitabileMinimo 9Cucine abitabili secondo il regolamento comunale.
Altri Vani PrimariMinimo 9Altri vani di categoria primaria, adibiti ad abitazione permanente.
Spazi di Cottura Separati4 – 9Spazi di cottura ubicati in locale autonomo, separato e distinto dal soggiorno, dedicato solo alla cottura dei cibi.

Questi dati rappresentano le dimensioni minime richieste secondo il DM 75 e il regolamento comunale. Ricorda che queste sono solo le dimensioni minime e potrebbe essere preferibile avere spazi più ampi per un maggior comfort e vivibilità.

In conclusione, conoscere le dimensioni minime richieste per le diverse stanze e aree interne può essere di grande aiuto quando si cerca una nuova casa. È fondamentale considerare queste dimensioni come un punto di partenza per valutare la vivibilità di un immobile, tenendo conto anche del proprio stile di vita e delle esigenze personali.

Servizi igienici: tutto quello che c’è da sapere su bagni e wc

I servizi igienici sono una componente fondamentale di qualsiasi abitazione o struttura pubblica. Ogni locale adibito ad alloggio deve essere dotato di almeno una stanza da bagno completa di impianti igienici come vaso, bidet, vasca da bagno o doccia e lavabo, come stabilito dal DM 75.

Tuttavia, è importante notare che le specifiche e le regolamentazioni relative ai servizi igienici possono variare in base alle normative locali. Prendendo come esempio il regolamento edilizio di Firenze, vediamo quali sono i requisiti minimi che devono essere rispettati per i locali adibiti a servizio igienico.

Requisiti abitazioni la superficie e la larghezza:

La superficie minima richiesta per un servizio igienico è di 2,50 mq, mentre la larghezza minima deve essere di almeno 1,20 mt. Queste misure sono fondamentali per garantire uno spazio sufficiente per l’utilizzo e il movimento all’interno del bagno.

Accesso:

Nel caso dei servizi igienici, è generalmente vietato l’accesso diretto dalla cucina o dallo spazio cottura. È ammesso l’accesso tramite un antibagno, un’apposita area di disimpegno che separa i locali destinati alla preparazione e al consumo di cibi da quelli adibiti all’igiene personale. In questo modo, si evita la contaminazione tra le aree alimentari e quelle igieniche.

Requisiti abitazioni la dotazione sanitari:

Per quanto riguarda la dotazione dei sanitari, ogni alloggio deve avere un vaso, un bidet, un lavabo e una vasca da bagno o doccia. È possibile suddividere i servizi igienici in più locali, a patto che siano riservati esclusivamente a tale scopo.

È importante notare che esistono delle deroghe per i bagni adatti ai disabili. Questi devono rispettare specifiche normative di accessibilità e devono essere progettati per garantire l’uso agevole e sicuro da parte delle persone con disabilità.

Le normative sui servizi igienici hanno lo scopo di garantire standard minimi di igiene e comfort all’interno delle abitazioni e delle strutture pubbliche. Rispettare tali regolamentazioni è fondamentale per garantire la salute e il benessere di chi utilizza tali spazi.

RequisitiSpecifiche
Superficie2,50 mq
Larghezza1,20 mt
AccessoDivieto di accesso diretto da cucina o spazio cottura, ammesso tramite antibagno
Dotazione sanitariVaso, bidet, lavabo, vasca da bagno o doccia, suddivisa anche in più locali purché riservati esclusivamente ai servizi igienici

In conclusione, i servizi igienici, come bagni e wc, devono rispettare le specifiche normative in vigore nel proprio contesto geografico. Queste norme riguardano la dotazione di impianti igienici, le dimensioni degli spazi e l’accesso ai locali adibiti a cucina o spazio di cottura. Rispettare tali regolamentazioni è fondamentale per garantire un ambiente igienico e confortevole per gli utenti.

Leggi anche...