Menu Chiudi

Progetto al Comune ristrutturazione casa-Costi e Tempi

Eccoci e benvenuto, oggi spiegheremo quando si deve presentare un progetto al comune per la ristrutturazione di casa. Daremo un’indicazione su quanto costa, e i tempi che servono dal deposito del progetto all’inizio dei lavori. Ci soffermeremo su alcuni aspetti che possono far aumentare il costo del progetto ed allungare le tempistiche.

Cosa si intende per progetto al comune?

Il progetto che si deposita al comune di appartenenza è l’elaborato grafico redatto in varie scale, solitamente 1:100 per le planimetrie generali ed 1:50 se occorrono dei disegni sui particolari. Il progetto che si presenta al comune come richiesta di permesso per la ristrutturazione di casa. Lo stesso deve raffigurare l’ante operam (prima dei lavori) e post operam (dopo i lavori), quest’ultimo grafico sarà la vostra preesistenza e regolarità urbanistica dell’immobile.

Quando serve il progetto della ristrutturazione della casa?

progetto al comune ristrutturazione casa
progetto al comune ristrutturazione casa

Quando si deve ristrutturare una casa, negozio o altro immobile, il progetto dei lavori serve per ausilio al computo metrico delle opere da svolgere al fine di avere un’idea realistica dei costi, ovviamente stiamo parlando di ristrutturazioni più complesse rispetto ad una tinteggiata della casa. Il progetto della ristrutturazione al comune va presentato se avete intenzione di modificare la distribuzione interna, con la creazione di nuove camere, bagni o spostamento della cucina, e se le opere che farete riguardano apertura di nuove finestre, o in generale se si modificano i prospetti (facciate). Esistono ad oggi due tipi di permessi per ristrutturare, in cui un allegato obbligatorio è il progetto, la CILA e la SCIA.Entrambi i progetti cila e scia nella ristrutturazione autorizzano le opere di manutenzione straordinaria, più raramente ci si trova a richiedere il permesso con la scia per restauro e risanamento conservativo come ristrutturazione.

Hai bisogno di un professionista esperto per il progetto della ristrutturazione della casa? Ti serve il progetto da depositare al comune? Scrivici o chiamaci per un preventivo gratuito

La manutenzione ordinaria quando per ristrutturare non serve il progetto

Il progetto della ristrutturazione non serve se si rientra nelle opere di manutenzione ordinaria, come ad esempio possono essere la pittura delle stanze, la sostituzione del pavimento, la sostituzione dei sanitari nel bagno. La manutenzione ordinaria non necessita infatti di permesso del comune e di conseguenza neanche del progetto da depositare. Tuttavia è possibile presentare la comune di appartenenza la comunicazione inizio lavori CIL.

Opere di manutenzione straordinaria per le quali serve un progetto al comune

Serve invece il progetto della ristrutturazione della casa quando le opere che dobbiamo iniziare rientrano nella manutenzione straordinaria. Infatti per questa tipologia di lavori bisogna presentare un permesso al comune con il progetto grafico dei lavori ante e post operam. Se la manutenzione straordinaria riguarda opere interne si presenta la CILA se invece riguarda opere esterne o strutturali si deve fare una SCIA.

Il progetto cila per ristrutturare casa

progetto ristrutturazione
progetto ristrutturazione

La cila è il permesso della ristrutturazione interna di casa, rientrando nella manutenzione straordinaria necessita di un progetto depositato al comune. Il progetto deve rispettare i requisiti igienico sanitari del comune ed i regolamenti edilizi. Per fare un esempio le camere non devono essere inferiori a 9 metri quadri, le finestre devono essere grandi 1/8 della superficie calpestabile della stanza e le cucine non inferiori a 15 metri cubi. Per presentare il progetto della ristrutturazione con la cila occorre incaricare un tecnico iscritto ad un ordine o albo (geometra, architetto o ingegnere). Le opere in cui serve il progetto della ristrutturazione con la cila sono le seguenti (elenco non completo):

  1. nuovi allacciamenti o rifacimento di fognature esistenti con modifiche del percorso e/o delle caratteristiche preesistenti;
  2. il riordino degli spazi interni, con spostamento di tramezzi e dei divisori non portanti, la creazione di contro soffittature in cartongesso (in quanto abbassano la quota); l’apertura, la chiusura o lo spostamento di porte ed infissi, rifacimento di impianto fognario privato, realizzazione piscina esterna, installazione e posa in opera di canna fumaria etc;
  3.  E’ compreso anche il frazionamento (divisione di una unità immobiliare in due o più) o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere, anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari, nonché del carico urbanistico, purché non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l’originaria destinazione di uso;

Quanto costa la cila e quanto tempo serve per iniziare i lavori?

Il deposito del progetto della cila prevede il pagamento dei diritti di istruttoria, che varia da comune a comune, solitamente un paio di centinaia di euro (a Roma 251,24€). A tale costo va aggiunta la parcella del tecnico che prepara il progetto ristrutturazione lo timbra e lo firma. Appena ottenuto il protocollo del progetto i lavori possono iniziare già dal giorno successivo. Il progetto cila in molti comuni si può inviare tramite gli sportelli telematici e quindi online, smaltendo le lunghe code, e riducendo i costi di presentazione.

La scia il progetto della ristrutturazione  pesante di casa

Per farla  semplice, la SCIA (segnalazione certificata di inizio attività), sostituisce la CILA, quando l’intervento riguarda opere che insistono su elementi strutturali (muri portanti, travi, pilastri, solai etc.),  per cui occorre il progetto redatto da un ingegnere e depositato al genio civile.  Esempi tipici sono la cerchiatura di una porta o di una finestra su muro portante, la realizzazione di un solaio, il rifacimento del tetto, il consolidamento delle fondazionidei pilastri o delle travi, la perforazione di un pozzo artesiano etc. La SCIA, inoltre, si utilizza per il cambio di destinazione d’uso e per le opere esterne o su facciata. Con la scia inoltre si possono svolgere i lavori in zone vincolate, chiedendo prima il parere all’ente che detiene il vincolo.

Quanto costa la scia e quanto tempo serve per iniziare i lavori?

Il deposito del progetto della scia prevede il pagamento dei diritti di istruttoria, che varia da comune a comune, solitamente un paio di centinaia di euro (a Roma 251,24€). A tale costo va aggiunta la parcella del tecnico che prepara il progetto ristrutturazione lo timbra e lo firma. Appena ottenuto il protocollo del progetto i lavori possono iniziare già dal giorno successivo, se non bisogna attendere le autorizzazione dal genio civile, o dagli enti per particolari vincoli esistenti. Il progetto scia si presenta per lo più con il modello cartaceo.

Cosa si rischia se non si presenta il progetto cila o scia per ristrutturare?

Se non hai presentato il progetto della ristrutturazione della casa, sia con cila o scia, non rischi nulla penalmente (a meno che non ti sei ampliato). Infatti basterà pagare una sanzione amministrativa e presentare il progetto a sanatoria della ristrutturazione di casa. Con la cila a sanatoria, quindi possiamo presentare il progetto tardivo delle opere interne. Con la scia in sanatoria quello delle opere esterne. Ci teniamo a precisare che non esistono progetti a sanatoria per le opere strutturali, quindi in quel caso occorre una relazione statica prodotto da un’ingegnere da allegare al progetto a sanatoria della ristrutturazione.

Presentare il progetto della ristrutturazione per usufruire delle detrazioni fiscali al 50% e 65%

A oggi, è  possibile richiedere le detrazioni fiscali per ristrutturazioni e/o l’eco bonus per il risparmio energetico! Infatti, si ha diritto alla detrazione fiscale ristrutturazioni edilizie (50 %) in caso di manutenzione straordinaria nelle proprietà ad uso esclusivo (es. appartamento o villa unifamiliare) o di manutenzione ordinaria nelle parti comuni (condominio). È possibile richiedere, nei casi previsti, anche il bonus mobili, e il bonus verde. Per poter usufruire delle detrazioni fiscali occorre presentare il progetto della ristrutturazione al comune. Per maggiori informazioni ecco il link alla detrazioni fiscali per ristrutturazione.