Menu Chiudi

Lavori in casa senza cila, come sanarli e a quale costo

Hai realizzato di aver effettuato lavori in casa senza CILA, e ora desideri affrontare questa situazione per diverse ragioni, sia che tu stia considerando una futura vendita dell’immobile, sia che punti a beneficiare delle detrazioni fiscali per ristrutturazione. Il tuo principale interrogativo verte sul costo e sulla procedura necessaria per regolarizzare l’appartamento sia dal punto di vista catastale che comunale. Queste incertezze possono riguardare i costi associati a questo processo, che possono variare in base alla località e alle specifiche circostanze dell’immobile.

Inoltre, hai delle perplessità riguardo ai tempi necessari per ottenere la conformità urbanistica e catastale dell’immobile. Queste incertezze potrebbero derivare da molteplici fattori, tra cui la complessità dei lavori eseguiti, le normative locali e la disponibilità di risorse da parte delle autorità locali. Pertanto, è di vitale importanza affrontare questa situazione con la dovuta attenzione e cercare consulenza da professionisti esperti nel settore edilizio e legale al fine di risolvere in modo efficace ed efficiente i problemi legati alla regolarizzazione della tua abitazione.

Ti consiglio vivamente di approfondire questo argomento leggendo l’articolo che spiega come funziona il processo di regolarizzazione dei lavori in casa senza CILA. Questo articolo fornirà dettagli specifici, passaggi pratici e informazioni importanti su come affrontare questa situazione in modo corretto e conforme alla legge.

Lavori in casa quando serve la cila?

lavori in casa senza cila
lavori in casa senza cila

La cila è la comunicazione introdotta nel 2010 per semplificare il regime autorizzatorio delle opere rientranti in edilizia libera. Con la comunicazione inizio lavori asseverata si chiede al comune il permesso per iniziare la ristrutturazione interna di un immobile, casa, negozio o laboratorio. Le opere che si autorizzano con la cila rientrano tutte nella manutenzione straordinaria. L’obbligo di presentare la cila per i lavori interni di una casa si ha quando la ristrutturazione comprende opere edili rientranti in questa categoria. I lavori che si presentano tramite la comunicazione asseverata cila sono descritti nel d.p.r. 380 del 2001 all’art.6. Indichiamo di seguito un elenco non esaustivo degli interventi che in edilizia necessitano di cila:

  • opere di manutenzione straordinaria con spostamento di muri interni, comprese le porte che non riguardino strutture portanti;
  • rifacimento dell’impianto elettrico;
  • ristrutturazione del bagno con rinnovamento dell’impianto;
  • creazione di nuove camere, vani o di un secondo bagno della casa;
  • costruzione dell’angolo cottura all’interno del soggiorno;
  • sostituzione degli infissi con altri delle stesse dimensioni.

Variazione catastale senza cila perchè è sbagliato?

costo-cila-in-sanatoria
costo-cila-in-sanatoria

È fondamentale sottolineare l’importanza di seguire una procedura completa quando si tratta di lavori di ristrutturazione edilizia. Presentare esclusivamente un accatastamento dei lavori senza accompagnare il processo con la presentazione di una pratica CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata) al comune rappresenta un grave errore derivante da superficialità nell’affrontare la questione. Come abbiamo spiegato in dettaglio in numerosi articoli precedenti, il catasto, attualmente gestito dall’Agenzia delle Entrate, non ha valore probatorio. Ciò significa che i dati contenuti nei suoi archivi non costituiscono una prova sufficiente della regolarità delle modifiche apportate a un edificio.

Pertanto, anche se la planimetria catastale coincide con la situazione reale dell’immobile, ciò non implica automaticamente la conformità alle normative urbanistiche vigenti. In passato, circa 20 anni fa, era comune presentare solo la variazione catastale per esatta rappresentazione grafica regolare al momento della vendita di una casa. Tuttavia, questa pratica non garantiva la conformità agli standard urbanistici né la presenza di titoli edilizi validi presso il comune.

Oggi, chiunque abbia acquistato una casa basandosi esclusivamente sulla regolarità catastale si troverà obbligato, prima di poter procedere alla vendita, a regolarizzare la situazione presso l’ente comunale. Tale processo comporterà spesso il pagamento di una sanzione amministrativa, oltre alla necessità di adempiere a tutti gli adempimenti normativi ed edilizi richiesti.

In sintesi, è essenziale comprendere che il solo accatastamento dei lavori non è sufficiente per garantire la conformità delle modifiche apportate all’edificio alle leggi e ai regolamenti in vigore. La presentazione di una pratica CILA al comune è un passaggio cruciale per assicurarsi che tutto sia in regola, evitando futuri problemi e sanzioni amministrative.

Cosa si rischia se per i lavori interni dell’appartamento non si presenta la cila?

Richiedi un Preventivo

Richiedi un Preventivo Gratuito

Scopri come possiamo aiutarti!

Se stai considerando di avviare dei lavori nella tua abitazione che rientrano nell’ambito della Comunicazione di Inizio Lavori (CILA) e non hai ancora notificato il Comune, è fondamentale comprendere i potenziali rischi associati a questa mancanza di procedura. In primo luogo, l’omissione della CILA potrebbe comportare una serie di conseguenze negative, tra cui la mancanza di conformità urbanistica e catastale dell’appartamento. Questo significa che l’immobile potrebbe non essere in regola con le normative urbanistiche e catastali vigenti, il che potrebbe causare problemi significativi in futuro, soprattutto se desideri vendere la casa. La mancanza di conformità potrebbe influire negativamente sulla tua capacità di ottenere il prezzo desiderato per la vendita e potrebbe rendere il processo di vendita molto più complicato.

Oltre a ciò, non rispettare la procedura di notifica della CILA può comportare ulteriori conseguenze legali. Se le autorità locali scoprono che stai eseguendo lavori senza la necessaria autorizzazione, la polizia locale potrebbe intervenire e emettere delle sanzioni. Queste sanzioni possono comportare costi significativi e possono variare a seconda delle leggi locali e delle circostanze specifiche. Inoltre, potresti essere obbligato a presentare la CILA entro un breve periodo di tempo dalla notifica della violazione.

In sintesi, è di vitale importanza comprendere e rispettare i requisiti relativi alla CILA quando si intraprendono lavori nella propria abitazione. La conformità con tali normative è essenziale per evitare problemi futuri legati alla vendita dell’immobile e per evitare sanzioni legali onerose. Pertanto, è consigliabile consultare le autorità locali o un professionista edile esperto prima di avviare qualsiasi lavoro per assicurarsi di seguire correttamente la procedura della CILA.

Ho fatto i lavori in casa senza il permesso del comune come posso sanarli?

regolarizzare-casa-prima-del-rogito
regolarizzare-casa-prima-del-rogito

Se ti trovi nella condizione di aver già terminato i lavori in casa senza aver presentato nessun titolo autorizzativo al comune, puoi sanarli presentando una pratica edilizia a sanatoria. Le pratiche edilizie a sanatoria sono strumenti urbanistici utili per sistemare alcune opere edili in assenza del permesso comunale, ma non sempre è possibile presentare l’autorizzazione tardiva dei lavori, perchè magari le opere che si è deciso di fare potrebbero essere non fattibili dal punto di vista urbanistico.

Consigliamo sempre di affidarsi ad un tecnico prima di iniziare qualsiasi tipo di lavoro che riguarda sia l’interno che l’esterno di un’immobile in quanto solo un professionista saprà indirizzarvi sulla giusta autorizzazione da richiedere al comune e sopratutto darvi indicazioni fondamentali su quali opere siano permesse o meno dal comune.

Hai fatto lavori in casa senza presentare il permesso cila al comune? Vuoi sapere come regolarizzarli? Scrivici o chiamaci

CILA in sanatoria la pratica edilizia che regolarizza la ristrutturazione fatta in casa

I lavori interni di una casa mai comunicati al comune si sanano presentando la cila in sanatoria, con il protocollo della comunicazione tardiva all’ufficio tecnico del comune si regolarizza la ristrutturazione interna dal punto di vista urbanistico. Ovviamente essendo una pratica edilizia in sanatoria prevede per la presentazione il pagamento di una sanzione amministrativa, fissata per ora ad €1000,00. La pratica di cila in sanatoria per essere regolare deve contenere alcuni allegati obbligatori, tra cui:

  • grafici di progetto ante e post operam
  • relazione tecnica asseverata da un tecnico abilitato geometra, architetto o ingegnere
  • pagamento dei diritti di istruttoria comunale (es.Comune di Roma € 291,24, Comune di Pomezia € 200,00)

Il presupposto per la presentazione della cila a sanatoria è il rispetto dei requisiti igienico sanitari e dei regolamenti edilizi comunali vigenti.

La cila in corso d’opera per poter usufruire delle detrazioni fiscali

Se hai già iniziato i lavori di ristrutturazione in casa senza ancora aver presentato la Comunicazione di Inizio Lavori (CILA) e desideri comunque beneficiare delle agevolazioni fiscali previste per questo tipo di intervento, è importante conoscere che hai l’opportunità di regolarizzare la situazione presentando una CILA in corso d’opera. Questo significa che, nonostante tu non abbia rispettato la procedura ordinaria presentando la CILA prima dell’inizio dei lavori, puoi ancora farlo mentre i lavori sono in corso.

Per presentare una CILA in corso d’opera, è necessario compilare un modulo specifico e asseverare che i lavori sono già iniziati, ma hai dimenticato di seguire la procedura tradizionale di presentazione della CILA prima dell’avvio. Tuttavia, è fondamentale tenere presente che in questo caso dovrai affrontare una sanzione amministrativa. La sanzione ammonta a un terzo dell’importo della sanzione prevista per la mancata presentazione della CILA ordinaria, pari a € 333,00.

Quindi, se hai già avviato i lavori senza la CILA e desideri ancora beneficiare delle detrazioni fiscali, puoi farlo regolarizzando la tua situazione attraverso la presentazione di una CILA in corso d’opera, pur consapevole del costo aggiuntivo rappresentato dalla sanzione amministrativa.

Quanto costa sanare la ristrutturazione di casa senza permesso cila?

Il costo della sanatoria per la ristrutturazione di casa senza permesso CILA è un aspetto di fondamentale importanza da considerare. Come accennato in precedenza, il costo della sanatoria per la ristrutturazione di casa senza permesso CILA comprende sia spese fisse che variabili, e può variare notevolmente in base a diversi fattori.

Le spese fisse relative alla sanatoria per la ristrutturazione di casa senza permesso CILA includono una sanzione amministrativa fissa di 1.000 euro, insieme ai diritti comunali che possono variare da comune a comune. Ad esempio, a Roma, il costo della sanatoria per la ristrutturazione di casa senza permesso CILA dovuti per i diritti comunali ammonta a 291,24 euro. Questi costi fissi sono stabiliti e non dipendono dalle dimensioni o dalla complessità dei lavori da regolarizzare.

Le spese variabili legate al costo della sanatoria per la ristrutturazione di casa senza permesso CILA comprendono le spese per l’assistenza tecnica necessaria per preparare la pratica di sanatoria. Queste spese possono variare notevolmente, ma solitamente si aggirano attorno ai 400 euro, senza considerare eventuali variazioni catastali. Nel caso in cui sia necessario presentare anche la pratica DOCFA al catasto, il costo della sanatoria per la ristrutturazione di casa senza permesso CILA può aumentare a circa 650 euro. È importante sottolineare che questi costi variabili sono influenzati da professionisti coinvolti e dalle specifiche esigenze del caso.

In sintesi, il costo della sanatoria per la ristrutturazione di casa senza permesso CILA è una combinazione di costi fissi e variabili, ed è soggetto a variazioni in base a fattori quali la località, la complessità della pratica e le esigenze specifiche del caso. Prima di intraprendere la procedura di sanatoria per la ristrutturazione di casa senza permesso CILA, è consigliabile consultare un professionista esperto per ottenere una stima accurata dei costi e per assicurarsi di seguire correttamente tutte le procedure necessarie.

Potrebbe interessarti: