Menu Chiudi

Aprire centro estetico a Roma: scia per negozio estetista

Se stai considerando seriamente l’apertura di un centro estetico a Roma, è importante avere una comprensione più dettagliata dei passaggi necessari per avviare l’attività con successo. Iniziamo con i requisiti: per aprire un centro estetico, dovrai soddisfare le normative locali e regionali relative all’estetica e alle attività commerciali. Questo potrebbe implicare ottenere licenze specifiche, come ad esempio quelle per il trattamento di bellezza, l’igiene e la sicurezza, e assicurarti di avere una struttura adeguata che rispetti i regolamenti sanitari.

Quanto ai tempi, l’apertura di un centro estetico può richiedere diversi mesi, a seconda di vari fattori. La tempistica dipenderà dalla tua capacità di completare tutti i requisiti legali, ottenere i finanziamenti necessari, trovare un luogo adatto, allestire il centro e preparare il personale. Potresti anche dover affrontare eventuali ritardi dovuti a procedure amministrative o approvazioni da parte delle autorità locali.

Infine, i costi delle pratiche amministrative possono variare notevolmente. Sarà necessario coprire spese come l’iscrizione al registro delle imprese, l’ottenimento delle licenze e delle autorizzazioni, il pagamento di tasse locali e regionali, e potrebbero esserci costi aggiuntivi legati alla ristrutturazione del locale e all’acquisto di attrezzature e prodotti. È fondamentale pianificare attentamente il budget e tenere conto di tutte queste spese al fine di evitare sorprese sgradevoli durante il processo di apertura del tuo centro estetico a Roma.

Quale autorizzazione serve per aprire un centro estetico a Roma?

scia estetista a roma
scia estetista a roma

Nel comune di Roma il suap lo sportello unico delle attività produttive e’ stato telematizzato. Tale ufficio e’ preposto alla ricezione di ogni nuova autorizzazione, subentro, trasferimento o modifica dell’attività commerciale. La pratica che si deve spedire online si chiama scia commerciale. La scia segnalazione certificata inizio attività permette l’apertura senza dover attendere tempi di attesa, infatti dal ricevimento del protocollo l’apertura avviene il giorno stesso. Il  suap ha tempo 160 giorni per poter controllare la documentazione allegata alla scia per apertura commerciale.

Notifica sanitaria allegata alla scia per aprire un centro estetico

Nel contesto dell’apertura di un centro estetico a Roma, è essenziale comprendere le procedure necessarie in termini di documentazione. In particolare, è obbligatorio allegare la notifica sanitaria, che dovrà essere inviata all’Azienda Sanitaria Locale (ASL) competente. Questo passaggio assume un’importanza cruciale per garantire l’avvio regolare e conforme delle attività del centro estetico nella capitale.

Parallelamente, un aspetto altrettanto rilevante è rappresentato dall’elaborato grafico. Questo documento è fondamentale poiché offre una rappresentazione visiva esaustiva dell’ambiente di lavoro del centro estetico a Roma. Esso comprende dettagli precisi sugli arredi, fornendo informazioni cruciali sulla disposizione e l’adeguatezza degli stessi rispetto alle normative vigenti. Inoltre, l’elaborato grafico fornisce una valutazione dei rapporti aereo-illuminanti, aspetto essenziale per garantire un ambiente di lavoro sicuro e accogliente per la clientela.

In conclusione, sia la notifica sanitaria che l’elaborato grafico rivestono una significativa importanza nell’ambito dell’apertura di un centro estetico a Roma. Questi documenti sono affrontati con la massima serietà e precisione, riflettendo il nostro impegno per il successo e la conformità delle operazioni del centro estetico nella città di Roma.

Ottieni ora un Preventivo Gratuito

Scrivici oggi stesso per scoprire come possiamo aiutarti!

Scrivici ora!

Emissioni in deroga alla provincia per estetista

Aprire un centro estetico a Roma è un’ottima iniziativa per coloro che desiderano entrare nel mondo del benessere e della bellezza. Tuttavia, è importante tenere presente che, anche a Roma, le emissioni in atmosfera devono essere gestite con la massima attenzione.

Il centro estetico rientra tra le attività con obbligo di comunicazione alla provincia delle emissioni in atmosfera quando si decide di avviare un’attività di questo genere a Roma. Questo adempimento è essenziale per garantire il rispetto delle normative ambientali e la tutela della qualità dell’aria nella capitale italiana.

La procedura per segnalare le emissioni in atmosfera di un centro estetico a Roma prevede l’invio telematico di documenti, tra cui la procura del titolare. Questa pratica è necessaria per ottemperare agli standard ambientali e per dimostrare l’impegno nel gestire in modo responsabile le emissioni prodotte dall’attività del centro estetico. Inoltre, assicurarsi di rispettare tutte le regolamentazioni vigenti contribuirà a mantenere un ambiente sano e pulito per i cittadini di Roma, garantendo nel contempo il corretto funzionamento e la legalità del vostro centro estetico.

Quindi, aprire un centro estetico a Roma è certamente una bella idea, ma è essenziale considerare anche le implicazioni relative alle emissioni in atmosfera e agire di conseguenza per operare nel rispetto delle leggi e dell’ambiente.

Quanto costa la scia commerciale per estetista a Roma?

La scia commerciale per un centro estetico a Roma ha dei costi fissi e dei costi variabili. I costi fissi comprendono i diritti di istruttoria comunale pari ad € 80,00 e quelli della notifica sanitaria pari ad € 50,00. Il costo variabile e’ la parcella dell’intermediario e tecnico che presenta la pratica completa di tutti gli allegati. Un tecnico a Roma può chiedere un’onorario dai 550,00€ ai 750,00€ per la scia commerciale completa. Ma il tutto dipende ovviamente a discrezione del tecnico che ha delle responsabilità su ciò che viene presentato.

Se avete bisogno di un preventivo da parte di un tecnico specializzato in aperture commerciali come il centro estetico scrivete chiamate anche per una consulenza gratuita

Quali sono i requisiti per aprire un centro estetico a Roma?

Aprire un locale dedicato alla cura della persona (estetista) prevede che il titolare del negozio abbia i requisiti tecnico professionali (diploma professionale di estetista conseguito presso un’istituto a livello statale o regionale). Dopo avere aperto la posizione Iva, il diploma permette di registrare l’attività presso la Camera di Commercio locale, e successivamente di richiedere la licenza di apertura del centro estetico presso il Comune di Roma. Ora andiamo ad analizzare le dimensioni minime che occorrono per avviare un’attività di estetista o centro estetico a Roma.

Spazi interni e locali da adibire a centro estetico

Gli immobili in cui si esercitano le attività di estetica si compongono, dei seguenti spazi o locali destinati a:
esercizio dell’attività e attesa della clientela;

Ottieni ora un Preventivo Gratuito

Scrivici oggi stesso per scoprire come possiamo aiutarti!

Scrivici ora!
  • box doccia;
  • servizio igienico;
  •  ripostiglio;
  •  spogliatoio;
  •  eventuali corridoi e disimpegni.

Le dimensioni minime delle cabine per negozio di estetica

Aprire centro estetico a Roma: scia per negozio estetista
aprire un centro estetico a roma
  • pareti di altezza non inferiore a 2 metri e aperte nella parte superiore;
  • uno spazio tra il soffitto e la cabina di almeno 50 centimetri che consenta aerazione e illuminazione naturale;
  • superficie minima calpestabile di 6 metri quadrati, al lordo degli arredi.

L’installazione di una cabina con box doccia è obbligatoria nel caso in cui nell’esercizio si effettuino
trattamenti al corpo manuali o con apparecchiature quali:

  • massaggi;
  • applicazioni di fanghi o di calore;
  • solarium integrale ad assetto orizzontale;
  • bagno turco;
  • bagno di vapore;
  • sauna.

In caso di locali o cabine che utilizzano lampade a raggi ultravioletti:

  • all’esterno un cartello ben visibile avvisa della presenza di sorgenti di radiazioni non
    ionizzanti;
  • cartelli ben visibili indicano avvertenze e controindicazioni alla esposizione alle radiazioni
    ultraviolette.

I locali dove vengono utilizzati gli apparecchi laser e a luce pulsata devono avere le caratteristiche strutturali minime di seguito riportate:

  1. il locale deve essere schermato dall’esterno per impedire la trasmissione delle emissioni, con
    chiusure di porte, oscuramento delle finestre e se viene utilizzata una cabina con apertura
    delle pareti nella parte alta, queste dovranno essere dotate di idonea chiusura, di tipo
    rimovibile, per essere riutilizzata ad altre prestazioni estetiche al momento della cessazione
    dell’uso delle apparecchiature laser e di luce pulsata;
  2. nel locale operativo non vi devono essere pareti ed oggetti riflettenti;
  3. la stanza in cui viene utilizzato il laser deve disporre di un sistema di segnalazione luminosa
    di pericolo di colore rosso posto all’esterno delle porte di accesso quando il laser è in
    funzione;
  4. nel caso di apparecchi di classe 3B e classe 4 deve essere installato un sistema interblocco
    in tutte le vie di accesso alla zona laser controllata, per impedire il transito delle persone
    quando il laser è in funzione;
  5. rimane comunque il rispetto di tutti gli altri adempimenti tecnici e operativi previsti dalle norme tecniche UNI–EN e norme CEI di riferimento.

La superficie minima calpestabile al lordo degli arredi è di 3 metri quadrati nelle cabine adibite a
trattamenti di:

  • manicure o pedicure estetico;
  • pulizia, trucco e altri trattamenti del viso;
  • solarium viso;
  • solarium integrale ad assetto verticale detto a doccia.

Gli immobili in cui si esercitano le attività di estetica sono forniti di:

  • acqua potabile;
  • impianto per la raccolta e lo smaltimento dei liquami conformi al regolamento edilizio;
  • attività intende allacciarsi devono essere in grado di sopportare il nuovo carico inquinante.

L’altezza dei locali doccia, servizio igienico, ripostiglio e spogliatoio ha le seguenti caratteristiche minime:

  • un’altezza media non inferiore a 2,40 metri;
  • nel caso di soffitti inclinati l’altezza minima non è inferiore a 2 metri;
  • nel caso di soffitti piani che presentino discontinuità di altezze, l’altezza minima non è
    inferiore a 2,20 metri.

Questi sono i requisiti minimi da soddisfare per aprire un centro estetico a Roma, tenendo conto delle specifiche richieste per le diverse attività svolte all’interno del centro. Assicurati di consultare anche le norme tecniche UNI-EN e le norme CEI di riferimento per il rispetto di tutti gli adempimenti tecnici e operativi.

Ecco una tabella riassuntiva dei requisiti per le dimensioni delle cabine in un negozio di estetica a Roma:

RequisitoSpecifiche
Dimensioni Minime delle Cabine
– Altezza paretiMinimo 2 metri e aperte nella parte superiore
– Spazio sopra la cabinaMinimo 50 centimetri per aerazione e luce
– Superficie minima calpestabile6 metri quadrati (senza arredi)
Cabina con Box Doccia Obbligatoria per trattamenti come:
– Massaggi
– Applicazioni di fanghi o calore
– Solarium ad assetto orizzontale
– Bagno turco
– Bagno di vapore
– Sauna
Requisiti Strutturali per Apparecchiature Laser e Luce Pulsata
– Schermatura locale dall’esternoPorte chiuse, finestre oscurate, pareti chiuse
– Segnalazione luminosa di pericolo (laser in funzione)Cartello rosso all’esterno delle porte
– Sistema interblocco (apparecchi classe 3B e classe 4)Impedire l’accesso quando il laser è in funzione
Superficie minima calpestabile per cabine di:
– Manicure o pedicure estetico3 metri quadrati (senza arredi)
– Trattamenti del viso, solarium viso e solarium a doccia
Requisiti Generali
– Fornitura di acqua potabile
– Impianto per la raccolta e smaltimento liquamiConforme al regolamento edilizio
– Capacità di sopportare nuovo carico inquinante
Altezza Minima per Locali di Doccia, Servizio Igienico,
Ripostiglio e Spogliatoio
– Altezza mediaMinimo 2,40 metri
– Soffitti inclinatiMinimo 2 metri
– Soffitti piani con discontinuità di altezzeMinimo 2,20 metri

Puoi stampare o condividere questa tabella sui social per un riferimento rapido ai requisiti necessari per aprire un centro estetico a Roma.

Quanto tempo ci vuole per inviare la scia commerciale per estetista a Roma?

Di solito, una volta ottenuto l’incarico, le tempistiche previste per completare il processo, che include la SCIA estetista a Roma, sono di circa una settimana e mezzo, a condizione che tutti i documenti menzionati precedentemente siano disponibili. La richiesta per l’apertura di un negozio di estetica, che include la notifica sanitaria, l’emissione di una deroga da parte della provincia e la nomina di un preposto, viene inoltrata tramite il SUAP (Sportello Unico per le Attività Produttive) al municipio competente a Roma.

Una volta ottenuto il protocollo dal municipio, il negozio è autorizzato ad aprire e iniziare a emettere fatture, mantenendo sempre presente la SCIA estetista a Roma. Solitamente, i controlli da parte della polizia locale e dell’azienda sanitaria locale vengono effettuati entro i due mesi successivi all’ottenimento del protocollo, assicurandosi che tutto sia conforme alla SCIA estetista a Roma e alle normative locali. Se ti interessa l’argomento leggi il nostro approfondimento sulla scia per affitto di poltrona a Roma.

Leggi anche...